i Convegni
i Convegni

Raggiri Legalizzati?
CARABINIERI E POLIZIOTTI RAGGIRATI?
Raggiri Legalizzati? La fantasia degli approfittatori sembra essere infinita, ogni giorno se ne inventano una per raggirare il prossimo, arrivando addirittura a spacciarsi per poliziotti, carabinieri, finanzieri e vigili del fuoco. Sono centinaia le segnalazioni che ci sono arrivate relative a questa che per molti appare come una articolata vera e propria truffa; Truffa che ha coinvolto migliaia di Aziende su tutto il territorio Nazionale. Ecco come è articolata : Sono presenti sul territorio nazionale alcune Concessionarie di Pubblicità, ( i cui rappresentanti sono già noti per diversi fallimenti alle spalle di altrettante proprie società ) che tramite Fondazioni compiacenti con la partecipazione di alti ufficiali dei Carabinieri, o singoli appartenenti alla Polizia di Stato o ai Vigili del Fuoco, tutti in conflitto di interesse, operanti anche con abuso d'ufficio per le mansioni istituzionali espletate, spesso di stanza in Roma, presso Uffici Centrali a spese dello Stato, in Violazione di precisa Convenzione con l'Autorità Nazionale Anticorruzione, che vieta tali comportamenti, danno vita questi "noti" personaggi, a collaborazioni contrattuali molto onerose, a nome e per conto di TUTTI I Carabinieri, Poliziotti e Vigili del Fuoco , ma mai autorizzate da questi ultimi. Le stesse Concessionarie, utilizzano propri operatori per la sponsorizzazione e la vendita di spazi pubblicitari in Riviste "spacciate" per organi "ufficiali" di tutti i Carabinieri, i Poliziotti e Vigili del Fuoco. Chi chiama, o manda email, chiede di parlare direttamente con L'Amministratore Delegato dell'Azienda "puntata" e per ottenere cio', spesso si qualifica ( o lo dà sapientemente ad intendere ) come Generale o Colonnello dei Carabinieri, o a nome del Comandante generale dell'Arma o dal Comando generale, o come Responsabile Ufficio Stampa di Polizia o Funzionario dei vari corpi di stato con lo scopo di vendere all'ignara vittima spazi pubblicitari molto onerosi, per ipotetiche riviste alle quali a loro dire sarebbero interessati TUTTI i Carabinieri, TUTTI i Poliziotti, TUTTI i Finanzieri e TUTTI i Vigili del Fuoco. Chi ci casca purtroppo entra a far parte di un circolo vizioso dal quale sembra impossibile poi uscirne. Una volta acquistato uno spazio su una rivista infatti, non si ha più pace e sembra quasi che si sia obbligati ad acquistarle tutte. Le frasi dette da chi telefona suonano come minacciose “Sappiamo che ha acquistato uno spazio di pubblicità sulla rivista dei carabinieri, perche' non acquista anche la nostra? Pensa che dare un contributo alla Guardia di Finanza o alla Polizia o Ai Vigili del Fuoco sia meno importante?” In realtà a chiamare sono sempre dipendenti della stessa "Concessionaria di Pubblicità" che si passano di mano in mano gli "ignari clienti" e vittime dei loro raggiri. Chiamata dopo chiamata la vittima si ritrova ad aver acquistato senza neanche rendersene conto cinque o sei pagine pubblicitarie su riviste nel giro di un mese; precisiamo, pagine il cui costo si aggira intorno alle 18.000 Euro per ognuna. La truffa a ns. avviso, pero' non si limita a quello, difatti gli anni successivi l'ignara vittima viene chiamata in continuazione per il rinnovo di questi spazi e quando si rifiuta di rinnovare verrebbe quasi "obbligata" con svariate scuse. Dopo svariate denunce con Procedimenti Penali in atto, e svariate segnalazioni all'Autorità Nazionale Anticorruzione, questo Sindacato Carabinieri, puo' affermare con assoluta certezza che: - Le riviste in questione non hanno nulla a che vedere con le forze dell'ordine ( anche se vi si presentano a nome di qualche personaggio discutibile e in grave conflitto di interessi) e di conseguenza il contributo che voi versate non viene devoluto alle forze dell' ordine neanche in minima parte, ma và in gran parte alla Concessionaria di Pubblicità ed ai propri operatori, 8 che sono quelli che vi contattano ) ed in parte a Fondazioni private ovvero a qualche Ufficiale o Funzionario compiacente; - A chiamarvi NON sono Poliziotti, Carabinieri, Finanzieri o Vigili del fuoco. -A chiamarvi NON sono funzionari dei Tribunali di Roma o di Milano, non sono Giudici, ne Magistrati ne Avvocati ma semplici Agenti pubblicitari che indebitamente si appropriano di titoli che non gli competono. -NON esiste alcuna emissione di cartelle esattoriali a fronte di mancati pagamenti. -NON esiste alcuna emissione di ingiunzioni di pagamento. - NON vi arriverà mai lettera del Tribunale perché citati in udienza. -NON esiste alcun "organo istituzionale di carabinieri" ma di una Fondazione PRIVATA di qualche ufficiale compiacente; I TRIBUNALI, i CARABINIERI, i POLIZIOTTI, i FINANZIERI ED I VIGILI DEL FUOCO, intesi come gli oltre 350 Mila Uomini dei Ruoli NON DIRETTIVI ovvero le VERE FORZE DI SICUREZZA OPERATIVE, NON HANNO NULLA A CHE VEDERE CON QUESTI SOGGETTI. Pertanto vi invitiamo a non pagare assolutamente nulla, ad identificare compitamente la persona chi vi ha contattato, a rivolgervi all'A.G. a Voi vicina, e a continuare a SEGNALARCI IMMEDIATAMENTE IL TUTTO.
® 2004-2017 tutti i diritti sono riservati all' U.N.A.C. Unione Nazionale Arma Carabinieri. E' severamente vietato la copia o l'utilizzo del materiale presente nel sito, senza l'autorizzazione della segreteria nazionale dell' U.N.A.C.