il Mobbing
il Mobbing

RIESUMATA SALMA CC.
SI INDAGA SU UN SUICIDIO
MONZA, DOPO DIECI ANNI UN MAGISTRATO DECIDE DI RIAPRIRE LE INDAGINI SU UNO STRANO ?SUICIDIO?. RIESUMATA LA SALMA DI UN CARABINIERE. IL PADRE:? LO HA UCCISO UN COLLEGA?. Milano. Ci sono voluti dieci lunghi anni e molti fatti avvolti in una qualche zona d?ombra: un filo sottile che tiene insieme la trama di una morte che di colpo torna a essere mistero. Sono passati dieci anni ma adesso, la certezza di Giuseppe incorvaia ? ? mio figlio è stato ucciso da un uomo che portava la sua e la mia stessa divisa, un carabiniere del Ros ormai in pensione ?- non è più un sasso, anzi un macigno lanciato nello stagno delle ipotesi. Il cadavere di Salvatore Incorvaia, il brigadiere dell?Arma trovato morto il 16 giugno del 94?, a 24 anni, con un colpo alla tempia esploso dalla pistola di ordinanza, in auto, sul ciglio, di una strada, sarà riesumato. Lo ha deciso la Procura di Monza, a sorpresa, anche per il padre, ex sottufficiale dei carabinieri. Nello studio del suo avvocato, Francesco Mongiu, quest?uomo di 74 anni lacerato da un incubo che gli ingombra la mente e che gli ha azzoppato il cuore, ora dice:?Troppe cose non tornano. Troppi depistaggi, troppe contraddizioni. Adesso spero che la verità venga a galla?. Lui la sua verità la ripete da quella notte di giugno, quando Salvatore, vicecomandante della Stazione di Vimercate, viene trovato al posto di guida della sua Audi. Ha un foro di proiettile alla tempia destra; in grembo, la sua calibro 9. Il vetro sul lato passeggero dell?auto infranto ( ?? com?è possibile, se mio figlio si spara un colpo alla tempia destra e dunque il proiettile corre in direzione opposta??). I finestrini posteriori sono semi-aperti. Le perizie escluderanno tracce di polvere da sparo sulle mani della vittima. 2Arrivo sul posto e sento il colonnello Ludovico Tiscari, allora comandante del gruppo di Monza, parlare con un giornalista:? Un suicidio. Punto e basta?. Incorvaia da quel momento non smette un solo giorno di chiedere conto della morte di suo figlio. Alle conclusioni dell?Arma e della magistratura non si è mai rassegnato. ?Suicidio?: così avevano liquidato il caso. E invece ? ? Salvatore aveva scoperto operazioni illecite del Ros, coperte da un colonnello. Per questo è stato ammazzato?. Nel 96? a Verona si celebra un processo nei confronti della ?banda dei pentiti? di Alceo Bartalucci. Si scopre che la banda, specializzata in rapine, era coperta dai carabinieri del Ros. Meglio, da uno suo maresciallo, angelo Paron ( armi e libertà di azione in cambio di informazioni ). ? Insieme a Paron, venne processato anche il colonnello Tiscari, l?ufficiale che si affrettò ad archiviare la morte di Salvatore come suicidio. Accusato di coprire i movimenti del ?pentito? Alceo Bartalucci, nella zona di Vimercate, Tiscari viene condannato.Salvatore aveva saputo, voleva essere trasferito a Genova. Andò dal suo comandante per raccontare tutto. In quel momento firmò la sua condanna a morte?. FONTE ? LA REPUBBLICA? SABATO.03.04.2004
® 2004-2020 tutti i diritti sono riservati all' U.N.A.C. Unione Nazionale Arma Carabinieri. E' severamente vietato la copia o l'utilizzo del materiale presente nel sito, senza l'autorizzazione della segreteria nazionale dell' U.N.A.C.