il Mobbing
il Mobbing

Castel Campagnano
carabiniere suicida
Castel Campagnano. Celebrato il funerale di Ivan Del Santo, il carabiniere morto suicida mercoledý scorso 3.1.2012 Sono giunti dalla Sicilia, dove Ivan prestava servizio, i suoi commilitoni ed anche il Colonnello comandante provinciale. Il militare pare che avesse chiesto ed ottenuto il trasferimento in Campania per stare vicino ai suoi cari... Sono stati celebrati stamani alle ore 11,00 i funerali del Carabiniere Ivan Del Santo, 35enne, suicidatosi con un colpo al petto dinanzi al cimitero nel primo pomeriggio di mercoledý. Ad officiare il rito funebre, il parroco don Massimiliano Giannico nella Chiesa madre di Santa Maria ad Nives dove il feretro Ŕ giunto dall'Istituto di Medicinale Legale dell'Ospedale Civile "Sant'Anna e San Sebastiano" di Caserta. Qui, nella mattinata di ieri, il cadavere dell'uomo che prestava servizio nelle UnitÓ Cinofile di Palermo, Ŕ stata sottoposta a semplice visita esterna dopo che il sostituto procuratore della Repubblica che sta conducendo le indagini sulle tragedia, non ha ritenuto sussistenti i motivi dell'esame autoptico essendo ormai chiare le cause del decesso riconducibili al colpo d'arma da fuoco sparato all'altezza del cuore con la sua pistola d'ordinanza, mentre era seduto sul sedile della sua auto. Presenti alla cerimonia funebre tutta la famiglia del ragazzo ed anche il suo Comandante Provinciale, giunto per la tragica occasione dalla Sicilia, dove Ivan prestava servizio, insieme ad altri commilitoni del Carabiniere. Le cause che hanno ricondotto un giovane militare a questo gesto sono e restano ignote, ma un particolare importante Ŕ emerso durante la funzione che ha visto dargli l'ultimo saluto da parte della ComunitÓ di Castel Campagnano. Ivan Del Santo pare fosse stato trasferito su sua richiesta in Campania, dopo anni di valente servizio in terra di Sicilia e, a quanto Ŕ emerso da alcune indiscrezioni, voleva dare personalmente la notizia ai suoi cari. Questo elemento infittisce ancora di pi¨ la causa del suo estremo gesto. Un dato di fatto appare certo, la comunitÓ gli voleva un gran bene e ci˛ Ŕ confutato anche dai numerosi messaggi di cordoglio che sono giunti al nostro portale.
« 2004-2019 tutti i diritti sono riservati all' U.N.A.C. Unione Nazionale Arma Carabinieri. E' severamente vietato la copia o l'utilizzo del materiale presente nel sito, senza l'autorizzazione della segreteria nazionale dell' U.N.A.C.