il Mobbing
il Mobbing

Carabiniere si suicida
dramma in caserma
Conferenza stampa shock, Carabiniere si suicida negli uffici „ Ancora un dramma in caserma, Carabiniere si spara e muore Tutto in un attimo, come la settimana scorsa a Santa Sofia. Questo mentre era in corso una conferenza stampa dei Carabinieri, al comando di corso Mazzini. Per il militare non c'è stato nulla da fare Morte cerebrale per il carabiniere ferito con un colpo di pistola Dramma in caserma, disposta l'autopsia sul carabiniere Carabiniere si spara in caserma a Santa Sofia. E' in fin di vitaTutto in un attimo, come la settimana scorsa a Santa Sofia. E' successo mentre era in corso una conferenza stampa dei Carabinieri, al comando di corso Mazzini. Un colpo secco proveniente dagli uffici, con la pistola d'ordinanza, e i colleghi che sono corsi disperati. A pochi giorni dal dramma di Luca Verdi, il carabiniere di Santa Sofia morto dopo essere stato colpito in faccia da un proiettile partito dalla sua pistola venerdì scorso, un analogo caso è avvenuto giovedì a Forlì. Erano da poco passate le 13.30 quando si è sentito un colpo di pistola provenire dagli uffici. Anche i giornalisti si sono per alcuni momenti interrogati su cosa potesse essere stato. Nel frattempo i colleghi del militare, tra i quali il capitano Fabrizio Fratoni, sono subito corsi nell'ufficio, che si trova alle spalle del corpo di guardia, rinvenendo il corpo esamine. Per lui non c'era più nulla da fare nonostante la rianimazione dei sanitari di "Romagna Soccorso", intervenuti sul posto con due ambulanze ed un'auto medicalizzata. L'ipotesi più accreditata, ancora non confermata, è quella che si tratti di un suicidio. La pallottola d'ordinanza ha colpito il volto del militare. Appuntato scelto di 38 anni, a Forlì da due anni, era originario della provincia di Cosenza. Era stato in missione in Iraq per circa 4 anni. Sposato, aveva un figlio di un anno, e da poco aveva comprato casa. Un collega, sottoufficiale, ha avuto un malore, ed è stato trasportato al pronto soccorso. E' stato il primo a tentare di rianimare. Al comando di Forlì sono giunti nel primo pomeriggio i massimi vertici regionali dell'arma. L'episodio, come detto, richiama quello che ha visto la morte di Luca Verdi, il militare di servizio a Santa Sofia morto alcuni giorni dopo esser stato colpito da un pallottola partita dalla pistola di ordinanza, una Beretta 92FS.
® 2004-2019 tutti i diritti sono riservati all' U.N.A.C. Unione Nazionale Arma Carabinieri. E' severamente vietato la copia o l'utilizzo del materiale presente nel sito, senza l'autorizzazione della segreteria nazionale dell' U.N.A.C.